Shake&bake

E' tempo di mettersi ai fornelli!

Sabato mattina in casa Ietti 09/09/2007

Filed under: Momenti di vita — lagaietta @ 08:04
ordinaria amministrazione dalla sveglia al pranzo😉
Ieri mattina mi sono sentita molto casalinga, e dato che uno dei miei sogni da piccola era quello di tornare indietro nel tempo e vivere stile Happy Days, la cosa non mi ha creato chissà che paranoie ma anzi mi sono anche divertita e mi è anche piaciuto un sacco…a parte che poi pensandoci bene non era tanto diverso da quello che solitamnet faccio il sabato mattina solo che invece che andare al mercato a ciciarare da sola con il mio amico fruttarolo o l’allegra famiglia che mi fa venire le squame ogni settimana vendendomi del pesce davvero ottimo, ero in altrettanta ottima compagnia.
Sveglia tranquilli tranquilli, colazione leggiucchiando il giornale, (ma porcaccia miseria quello del giorno prima perchè i simpaticoni delle ore7 non hanno consegnato Grrrrrr!!!), e poi con calma al mercato!
Prima tappa: pesce!
ovvio perchè alle 10.00 altrimenti si rischia di trovare il banco già vuoto, di solito quando sono a casa con la bestia andiamo al mercato io&scai intorno alle 8.45 e allora riesco a comperare quantità abnormi di pinniformi, quando invece vado più tardi spesso parto con la lsita che poi butto quando arrivo perchè magari le sciure prima di me hanno razzolato e saccheggiato tutto per i fritti misti della domenica dirette per tutto il vicinato…mi sa che qui è tutta una sola grande famiglia perchè il sabato a mezzogiorno l’olezzo di fritto che aleggia per tutto il quartiere è un richiamo come l’ululato di un capobranco, ecco qui è più o meno lo stesso discorso: si aprono le finestre e l’orda di affamati è richiamata con le gambe sotto al tavolo con una fetta di limone in mano e una salviettina lavamani nell’altra! altro che sushi…( si io odio il fritto…da sempre)
Seconda tappa: frutta&verdura!
con grande disperazione di Pino che questa volta non ha potuto caricarmi di sacchetti traboccanti insalata e carote, (magari è la volta che le mie di mani tornano di un color rosa umano e non arancio alieno), perchè obiettivamente aveva dei prezzi un po’ alti così ho ridotto le dosi allo stretto indispensabile in vista invece di tuffarmi in un pinzimonio ad hoc con quello che l’orto dei nonni su in campagna offrirà nei prossimi giorni. La spesa da Pino di solito dura almeno un’ora, un po’ perchè intanto che sono lì inizio a chiacchierare con le sciure in coda o prima o dopo, un po’ perchè lui offre anche servizio di intrattenimento con cabaret compreso nel prezzo finale, un po’ perchè dai parliamoci chiaro: ma chi è che ha fretta di sabato mattina al mercato?!?dai!
Terza tappa: caffè al bar!
immancabile, sempre! lungo e leggermente macchiato, se poi c’è anche il freschino e una copia di un altro quotidiano allora è perfetto.
Quando sono con Scai prima di due ore non sono mai a casa, ogni due passi ci ferma qualcuno perchè lui pretende le coccole oppure perchè i bambini lo vorrebbero accarezzare oppure perchè c’è sempre qualcuno che già conosciamo ( i miei vecchietti di quartiere! li adoro!) e che ci raccontano un po’ quello che si ricordano senza un particolare senso logico, ma va bene così!

Ultima tappa: casa!

e sono già le 11.00! e allora in attesa che la partita di rugby della nazionale inizi e venga trasmessa io mi dedico all’organizzazione del pranzo: metti a posto la merce, inseguendo quel pomodoro che regolarmente scappa fuori dal sacchetto; apri il frigo e scopri che porca zozza mancano i limoni, no no uno c’è ancora meno male! fiuuuuuù; trova posto per lo yogurt che hai fatto la notte e ora è da mettere anche lui al fresco, ma non potevi aspettare ancora un giorno, va beh dai giochiamo a tetris e si risolve tutto, gli incastr vengono sempre: no aspetta sta cosa credo abbia compiuto almeno due compelanni, magari la mandiamo in pesnione in pattumiera con anche un incentivo e qualche interesse di anzianità…il pesce, ietti il pesce…allora questo è per oggi, piatto e via pronto da cucinare, questo è per domani e questo?! uh, questo lo congelo.

Oh!!!tutto pronto per iniziare a spadellare!
Mi servono due teglie, l’alluminio,la carta forno, i funghi…ok ci siamo…”Luca vieni?! Mi tiri giù l’alluminio per favore che non ho voglia di dare la scalata con la sedia...” “ma tanto non ci arriveresti cmq!”, “ma che st… (grrrr), va che non ti faccio mangiare“! ( le minacce servono)
hai bisogno di una mano?no grazie, faccio da sola! fai una cosa utile valà: dammi un bacio!
alla radio trasmettono un pezzo dei rolling stones, poi altre canzoni che orecchio ma che non ascolto tante chiacchiere, da lontano arriva anche il sottofondo del prepartita con le interviste ai fratelli Bergamansco e qualche stralcio delle partite di campionato;
Accendo il forno che si scalda, pulisco i funghi e preparo il composto per le polpette; taglio a dadini il tonno e apro il panino per la bruschetta, lavo un po’ di verdura per l’insalata e il tempo magicamente è volato…la zucca è pronta da abbrustolire e i peperoni anche!
Che buon profumo…
Hugs,kisses&cookies

Ah già!Le ricette!!! arrivano, arrivano!

 

2 Responses to “Sabato mattina in casa Ietti”

  1. Micky Says:

    Sai che sembra la radiocronca del mio sabato mattina? Tranne per il tuo bel cagnolone.Baci.

  2. Gaia Says:

    eh eh eh…credo che il sabato mattina sia topico in generale come giornata!!!!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...