Shake&bake

E' tempo di mettersi ai fornelli!

Summer Fest 2010 28/07/2010

Filed under: A spasso nel mondo,Contest — lagaietta @ 13:57

Ovvero dalle idee che nascono in giro per il mondo!

Lo scopo è quello di celebrare i frutti della stagione, rendere omaggio agli ortaggi appena raccolto e crearci una serie di ricette che ne enfatizzino la freschezza e il sapore!

L’appuntamento fisso è ogni mercoledì per le prossime settimane, fino alla fine dell’estate…e allora perchè non approfittarne??? qui trovate il post originale.

Ho letto di questa iniziativa dalla superaggiornata Giulia e mi è piaciuta tantissimo, indi per cui ho deciso di parteciparvi! Approfittando anche del fatto che da questo venerdì finalmente potrò considerarmi in ferie anche io, studierò delle ricette per le prossime settimane così da non perdere gli appuntamenti e creare anche dei piatti nuovi che siano un tributo a questa spettacolare stagione che amo e venero più di ogni altra!

Il mare lo vedrò alla fine di agosto quindi avendo almeno almeno un paio di settimane intere da riempire mi metterò ai fornelli armata di inventiva e pazienza e mi cimenterò in qualche nuova idea che ho in bozza nella mi testolina da qualche tempo e che per motivi pratici non sono ancora riuscita a ricreare per davvero!

A seguire vi lascio l’elenco così coma da blog di Giulia degli ingredienti previsti per le prossime settimane

28 Luglio: zucche, zucchine, cetrioli.. e compagnia bella!

4 Agosto: mais

11 Agosto: erbe, verdure fresche e verdi e fagioli

18 Agosto: frutta con il nocciolo

25 Agosto: pomodori

Purtroppo questa settimana salto l’appuntamento con le zucchine, non me ne vogliano, ma avendo letto di questo evento solo questa mattina, per di più al lavoro mi è stato impossibile cucinare/fotografare/editare/postare alcunchè…quindi non mi resta che salutarvi con un…a mercoledì prossimo e i soliti immancabili

Hugs,kisses&cookies

Annunci
 

Kofta con riso pilaw 21/05/2010

Filed under: A spasso nel mondo,Piatto unico,Secondi; carne — lagaietta @ 12:28

Oggi polpette, ma non le solite polpette! No oggi ho voluto tornare indietro con la memoria a quando da piccola io e la mamma si faceva la spola tra Milano e quella splendida città che continuo a portare nel cuore, ovvero Il Cairo.

Con la scusa che papà per qualche anno ha lavorato lì, noi spesso lo andavamo a trovare e abbiamo potuto goderci quella magnifica città quando ancora di turismo d massa in Egitto non ce n’era, forse anche perchè era il periodo della seconda guerra del golfo! Insomma, noi non ci siamo fatte intimorire da qualche mina, quisquille e pinzillacchere ( mica tanto, ma tant’è che eravamo due  pendolari); e così eravamo sempre in giro per la città e avevamo anche la fortuna di avere una signora che “governava” la casa di papà che cucinava in maniera divina e grazie a lei ho imparato ad amare tutti i piatti profumati e aromatizzati con coriandolo-cumino-curcuma&co.

Queste polpette erano quasi all’ordine del giorno, solo che le sue autentiche erano fritte prima di essere ripassate nella salsa di pomodoro, io ho eliminati la frittura facendole semplicemente scottare sulla padella antiaderente.

Ero bambina e il metabolismo era veloce, ora sono adulta e sono perennemente a dieta come la maggior parte delle mie coetanee, indi per cui ove posso cerco di alleggerire le preparazioni, ma nulla vieta di seguire l’originale e friggere in abbondante olio caldo le polpette, scolarle e poi passarle nella salsa.

Ingredienti:

500g carne trita macinata due volte. (non quella sceltissima, va bene una trita da sugo)

1 cucchiaino di: cumino-curcuma

coriandolo fresco tritato finemente

una manciata di prezzemolo fresco tritato finemente

1 uovo intero

pan grattato qb ( io nn lo uso)

sale e pepe qb

a piacere anche la scorza di mezzo limone

per la salsa:

400g pomodori pelati ( in stagione usare i ramati, togliere i semi e la buccia)

un pizzico di harissa

1 cipolla bionda grande

1 spicchio di aglio

prezzemolo fresco

200g yogurt greco 0%

-Unire alla trita tutti gli ingredienti per le polpette e amalgamare bene il tutto; regolare di sale e pepe e coprir il composto con pellicola; far riposare in frigo per almeno un oretta così che tutti i sapori si fondano per bene;

-Con le mani, formare le polpette e farle scaldare in una padella antiaderente con un cucchiaio di olio; sigillare bene la carne; quando tutte sono ben dorate, toglierle dalla padella e tenerle da parte;

-Preparare la salsa affettando sottilmente la cipolla e facendola dorare nella stessa padella delle polpette con un cucchiaio di olio e lo spicchio di aglio;

-Unire i pelati o i pomodori a cui avrete tolto la buccia e semi interni; far cuocere la salsa per qualche minuto; unire l’harissa a piacere altrimenti giusto un pizzico di peperoncino e regolare di sale;

-Unire anche le polpette e portare a cottura a fuoco dolce per una quindicina di minuti, fino a che le polpette siano tenere;

Una volta cotte, spolverare con il prezzemolo fresco tritato e con dello yogurt greco (questo fa la differenza!!!)

Si possono consumare con del riso pilaw o del cous cous; oppure con del pane arabo leggermente tostato o ancora con del pane sottile tipo pitta.

Hugs,kisses&cookies

 

Facce da Ios 21/08/2007

Filed under: A spasso nel mondo,Amicizia,Momenti di vita — lagaietta @ 07:48

La Ietti è tornata!

Due settimane di sfascio-devasto-vacanza-risate-nottibrave&orepiccole-nuove amicizie-mal di gola&antibiotico-sonno-abbronzatura…potrei andare avanti così a parole chiave per descrivere la vacanza appena finita! Si perchè di cose da raccontare ce ne sono tantissime, ma per rendere al meglio tutto quello che ha caratterizzato la prima settimana a Ios sarebbe opportuno che io usassi solo delle parole perchè se mi perdessi in descrizioni, discorsi e racconti fiabeschi non riuscirei a rendere al meglio la vera atmosfera giullaresca e surreale di quell’isola.

Io&LauraLaGigi“, abbiamo sfoderato tutta la nostra bravura in mille autoscatti sparsi un po’ tra spiaggia, aereo,nave,aliscafo e i posti più strani di tutta Ios!
La nostra mania di autocelebrazione ha toccato vette che nemmeno potevamo pensare, ma ci siamo così divertite che ogni istante era da catturare in una foto così che una volta a casa potessimo sospirare ripensando a quegli attimi e a tutto quello che ci siamo raccontate per non perdere nemmeno un secondo.
Dire che ci siamo devastate è ancora poco…la prima settimana l’abbiamo passata in piedi o meglio…specifichiamo bene: i nostri ritmi sonno-veglia sono stati decisamente messi alla prova, così che quando c’era luce i nostri corpi giacevano semi addormentati in spiaggia sotto l’ombrellone (uno in 20), seguendo l’ombra perchè al sole faceva davvero troppo caldo, rinfrescandoci a intervalli regolari con bagni e tuffi in mare; al primo sentore di tramonto quando la brezza diventava più fresca era momento di tornare in camera, cercare di riprendere un aspetto quantomeno umano sotto la doccia, e dormire quell’oretta scarsa prima di uscire per cena e poi dare il via alle danze in giro per tutta Chora.

La nostra espressione da pesci lessi è indicativa delle ore di sonno totali di tutta la settimana che sommate credo diano il minimo indispensabile di una notte sola, cioè le classiche 8h per non essere in coma al mattino.
Complici 3 disgraziati 25enni milanesi conosciuti la mattina del nostro arrivo, non ci siamo fermate un solo secondo. Già solo la partenza da Milano è stata una piccola avventura a sè, siamo partite da qui nel primo pomeriggio, atterrati a Santorini alle 5.30del pomeriggio ora locale e sbarco finale previsto a Ios alle 3.30 del mattino seguente…viaggio della speranza su un traghetto che sembrava ancorato nell’Egeo e non in movimento!
Una volta toccato suolo, noi due piccole sfigate abbiamo scoperto che non avremmo avuto la nostra camera nell’albergo prenotato così siamo state dirottate in un altro residence con queste tre perle meneghine che di voglia di dormire non ne avevano nemmeno per sbaglio, tanto che giusto per iniziare al meglio la vacanza vedendo albeggiare ci è venuto lo scrupolo che forse era il momento di coricarci così tanto come pro forma!
La mattina seguente finalmente abbiamo preso possesso della nostra camera e ci siamo fiondate in spiaggia a Milopotas, si quella del Far Out il villaggio-piscina-locale dove si inizia a ballare e si fanno gli after di house e quant’altro faccia ondeggiare il bacino.
le nostre compagne di viaggio meriterebbero un capitolo a loro dedicato, probabuilmente per farvi ridere vi lascerò qualcuna delle loro perle perchè hanno dimostrato che ebbene si esistono ancora le ragazze che pensano solo allo shopping, a spandere in giro e farla annusare a tutto quello che si avvicina alle fattezze maschili che dedichi loro un minimo di attenzione in cambio di ammiccamenti!
Praticamente abbiamo fatto vacanze separate, ma chissenefrega!
Ios ci ha regalato tantissime risate, tantissime figuracce soprattutto dal secondo cubalibre in poi…dentro un locale-fuori-dentro un altro-balla qui-muoviti di là-se la prima sera eravamo timidine timidine e si ballava in mezzo alla pista con la Ietti he dall’alto del suo metro sotto zero usava il boccaglio da immersioni per respirare, poi ci siamo lanciate e un gradino dopo l’altro ci siamo trovate in alto a dominare con le nostre movenze da pezzi di legno tutto il locale, o meglio tutti i locali!
Già la seconda notte nessuno ci poteva fermare, entrate all’Irish eravamo già sul tavolo…mia piccola soddisfazione era che a quell’altezza riuscivo a guardare finalmente negli occhi le persone e non farmi venire il mal di collo a furia di avere la testa sparata verso l’alto!
Che ridere!!!Beh eravamo anche trascinate da ballerini molto più bravi di noi, che però non sapevano rimboccarsi le maniche della camicia! Ah santa polenta! lo spirito materno non ci abbandona mai…ma si può che a 25anni sti ragazzoti così spavaldi e intraprendenti poi si perdano nel classico bicchiere d’acqua non sapendosi arrotolare le maniche!!!! signur signur!

Le peggio scene le abbiamo viste tra un locale e l’altro, gente che non si rende conto di quello che fa, ragazze inglesi talmente ubriache che si abbarbicano a ogni uomo che le sfiora per sbaglio gli si spalmano addosso senza nemmeno accorgersi che hanno anche perso mezzo abito da un’altra parte…va beh ma anche questa è Ios!
Età media dell’isola 22anni! Noi già eravamo le nonnette della situazione, tanto che in un paio di occasioni ci siamo anche noi abbassate l’età, beh oddio è andata così ci hanno chiesto l’età noi abbiamo risposto “quanti anni ci date” la risposta è stata 22-23 e noi non abbiamo negato! Non si fa lo so che non si fa, ma abbiamo i visini che ce lo permettono!
Beh anche noi abbiamo pagato pegno, non potevamo pretendere di rimanere completamente indenni: in fondo anche se ci siamo spacciate per 22enni la nostra data di scadenza combaciava con i rispettivi compelanni per cui le nostre faringi sono state ammutolite per i restanti giorni iosiani, antibiotico e propoline a manetta per non perdere nulla!

Tempo di cambiare isola, tempo di cercare di ripristinare degli equilibri tra notte e giorni, tempo di ceracre di tornare a essere delle personcine a modo che in vacanza si godono anche il paesaggio e non solo la vita propriamente vampiresca dal calare del sole in poi, per cui accantonata la veste da nottambule ci siamo ricalate nel ruolo di brave bimbe che vanno in spiaggia, che doromono, che girano le calette e fanno tanti bagni in quello splendido mare blu!

La prossima puntata a breve!
Hugs,kisses&cookies
 

Sorpresa!!! = ) 13/08/2007

Filed under: A spasso nel mondo,Compleanno,Momenti di vita — lagaietta @ 05:30

che ti credevi che non ti avrei fatto gli auguri il giorno giusto?! maddai…no davvero?
Beh ma la sorpresa quella vera non è solo questa…no questo è l’inizio di una sopresa che in teoria dovrebbe esserti consegnata in mattinata al tuo risveglio, ma non è che poi sia finita lì…no anche quello è solo un primo assaggio di quanto ti spetta…dovrai avere pazienza almeno fino al mio rientro per ulteriori spiegazioni però so che sarà di tuo gradimento.

Ti starai chiedendo perchè io abbia scelto queste foto, proprio questi panorami per augurarti buon 22esimo compleanno?!


Mi piacevano, mi sembravano davvero molto suggestive, non trovi?! Ho consultato il parere di Pennaccia prima di sceglierle perchè avevo bisogno di un consiglio e devo ringraziarla per la sua consulenza, sempre molto disponibile… a buon rendere cara!
Mancano solo tre giorni alla seconda edizione annuale del Palio, e mi spiace che non sia rientrato nei nostri piani estivi…io sono ancora qui spaparanzata sulle spiagge greche a ustionarmi la riga dei capelli ma mi avrebbe fatto tanto piacere riuscire a conciliare mare e terriccio rosso sollevato dai cavalli e sentire la frenesia dei fantini pronti con i loro frustini a darsi noia a vicenda.Peccato anche quest’anno dobbiamo rimandare, ma il prossimo vedremo di esserci! 😉


Beh, magari ora che hai letto tutto scendi in portineria che ci dovrebbe essere un qualche cosa da ritirare…
Hugs,kisses&cookies

Ziotto pungiglioso, va che non mi sono dimenticata di te…lo so che oggi hai anche tu un capelli bianco in più!!! Tantissimi auguri Remy!

 

Sole, mare,spiaggia: Santorini,back again! 31/07/2007

Filed under: A spasso nel mondo,Momenti di vita — lagaietta @ 14:19

Mancano meno di 48h alla partenza, sto armamentando le valigie, anzi la valigia si una è più che sufficente a contenere lo stretto indispensabile per due settimane di gioia mare sole e vita greca! La prima a Ios, isola piccola e vivacissima, la seconda a Santorini…altrettando movimentata ma entrambe immerse in uno splendido mare che nulla ha da invidiare a quello maldiviano! Non sto più letteralmente nella pella dalla voglia di salire sull’aereo per andare finalmente a spalmare le mie chiappozze sulla spiaggia! Colgo questi ultimi attimi di tranquillità per organizzare bene cosa portare e cosa lasciare a casa, nella prima lista rientra la musica e un buon libro, qualche crema solare e i costumi…serve altro? no credo solo gli occhiali da sole ma poi a posto così! Nella seconda invece restano senza ombra di dubbio le palle che mi sono girate nei primi mesi dell’anno, le noie che inevitabilmente si fanno sentire e la tremenda mancanza di stimoli in certi periodi…da sempre sono una sostenitrice dei benefici effetti del sole sul mio umore e sulla mia sensibilità verso tutto ciò che mi circonda, io parto e sto sempre bene quindi non posso che essere al settimo cielo all’idea di trascorrere due settimane via lontano da qui, lontano dai fumi di una città che ha iniziato a stringermi morbosamente e via da quest’aria così pesante che forma un nodo alla gola.

Si parte niente può essere più bello… auguro a tutti un serenissimo agosto e buone vacanze a chi ancora deve andare verso la sua meta, buona permanenza a chi resta!!! Ci sentiamo, ci vediamo, ci scriviamo tra due settimane! ( queste le foto di due anni fa sempre a Santorini)

Hugs,kisses&cookies

 

Latte di Luna 27/07/2007

Filed under: A spasso nel mondo,Momenti di vita — lagaietta @ 12:40

In queste giornate di singletudine canina e amorosa la Ietti non si perde d’animo e viaggia tra le pagine virtuali della toscana alla ricerca di qualche piccola ideuzza…tutto a tempo debito e tutto con estrema calma ma la mente arrovvellata della piccola puffIetti sta cercando il modo migliore per celebrare un giorno di metà agosto posticipandolo di due settimane, sia perchè non sarò qui nella data precisa sia perchè altre idee al momento non me ne vengono per cui va da se che bisogna arrangiarsi come mi ha insegnato la mia nonna.

Intraprendendo una maratona tra un link e l’altro sono incappata in questo sito, e ringrazio Alessandra la figlia di uno degli organizzatori che mi ha spiegato velocemnete di cosa si tratta: in sostanza nel finesettimana dal’01 al 03 settembre la città di Pienza ospita tutta una serie di eventi dedicati al mondo del biologico, e quel consorzio di agriturismi si propone come punto focale dell’iniziativa in quanto tutti producono da sè ciò che poi vendono-offrono anche ai proprio ospiti che li visitano durante l’anno.
Beeeelllooooooooooooooooo! Date un ocjo e se aveste la possibilità di fare un girello lì si sa mai che ci si incontri?!
Cavolo devo ancora partire per le vacanze e quasi mi sta venendo voglia di sprofondare la vista su quel paesaggio perso in un tempo che non è quello in cui realmente viviamo ma che avvolge tutto tra le curve morbide delle sue colline inebriando la mente con gli effluvi dei suoi vini corposi.
Sarà che quella parte di Italia la ricordo solo perchè ci sono passata velocemente al rienro da un vacanza con i miei all’elba, sarà che da quella volta dopo aver passato una sola giornata a Siena mi è rimasta così tanto nel cuore che davvero ho una volgia matta di tornarci, sarà che mi sono sempre immaginata felice e spensierata persa tra le foglie rossicce e il profumo di terra umida a passeggiare con il mio cane, con la gioia di tornare poi a casa una casa immersa nella pace e nella maestosità della natura, sarà che mi piacerebbe condividere questi pensieri tornando lì, sarà che una delle mie missioni di vita da qui all’autunno è andare a rompere le palle a lei, e testarda come sono so che riuscirò a tirarla scema quanto me, sarà che domani molto probabilmente una puntatina a Pisa con la Vale si riesce a concretizzare o sarà solo che mi piace troppo viaggiare anche solo attraverso quello che le immagini del pc possono regalarmi…
Sarà che semplicemente sto sclerando colpa del caldo che è tornato pesante e davvero asfissiante?! Marooooooo’ se ne può più.
Andrò a riprendere la macchina dal meccanico, sta stro…che mi sale di giri quando sono in coda, puntualmente nei momenti meno opportuni, quando è un attimo andare diretti diretti a fare da copiloti alla macchina di fronte, così lei si diverte a salire di giri, si vede che stare con me la annoia, o è solo un tentativo di farmi capire che guido male?!?
Hugs,kisses&cookies
 

Come volano gli aquiloni?! 01/05/2007

Filed under: A spasso nel mondo,Amicizia,Momenti di vita — lagaietta @ 08:10

Domenica sera.
Drin…driiiiin…
pronto?”
Ietti!!! ho sentito Filo e la Cri, allora ti va di andare al lago? anche in giornata, senti io avrei una visita per le 9.30, la Cri arriva in stazione, Filo la passa a prendere poi vengono da me e po arriviamo, ok?!”
Bella Vale, va benissimo, fatemi uno squillo quando partite da casa tua così mi faccio trovare pronta giù. Dai che bello!!! Ci vediamo domani mattina allora!” 🙂
Lunedì Mattina.
Driin!
Bella che sono arrivati! Si parte per il Lago maggiore! Yeah!
Ciaooooooooooooooooooooooooooo!!!!”
ietti la sai la strada per arrivare al lago da qui?!”
No, io vi so portare in autostrada verso Varese, ma poi non so da che parte del lago dobbiamo andare!”
Va bene, va bene, da lì poi la so io!”

In sottofondo i beatles che con “wake up susy” ci hanno accompagnato fino all’imbocco della tangenziale, mitica piccola tenera yaris blu che solerte e con una ripresa bradipesca ci ha lanciato a tutta calma sulle strade lomabrdo-piemontesi per uan giornata intera!

Tu segui la Varese-Como-Chiasso, noi poi teniamo per varese ok?!”
Si si, poi la so
Ok Filo!”
Chiacchiere chiacchiere chiacchiere, il tempo è mite, non fa caldissmo, meglio così non ci prende la calura una volta sulle sponde lacustri, si respira, si sta bene…abbiamo un po’ le faccine stanche, ma il sorriso durban’s che trionfa sui nostri volte fa presagire un’altra giornata splendida tutta da vivere insieme e goderci senza pensieri; la strada procede, noi cantiamo o meglio seguiamo le note, stonando ovviamente, delle canzoni perchè la nostra padronanza dell’inglese a volte fa cilecca, l’unico che si salva è il nostro italo-inglese-parigino-oggi-taxista!

Bivio…Varese o GravellonaToce?!?

Noi ovviamente prendiamo per Varese…toppato in strapieno!
Varese o Gravellona!?!”
Vale, te lo sai? Cri?! No io non lo so, non ci sono ancora stata al Maggiore, è la prima volta…senti ma da che parte delle sponde dobbiamo andare? senti chiamo un attimo mia mamma, te senti tuo papà così ci dicono dove dobbiamo andare
Pà, Varese o Gravellona?! Varese?! ok grazie”
Altro bivio…”senti ma te da sti cartelli non leggi un nome che sia vicno a qcsa che conosci?!”
Rifo-telefonata
Pà, ma non era Varese, ma daiiiiiiii!!!!”
Torniamo indietro.
Persi per i paesi del varestto, questa volta a farci cantare era Johnny Cash e a intermittenza Elvis, inframmezzati da qualche canzone di Battisti e della Nannini..certo che per essere in 4 in macchina, tutti patentati ma iper imbranati era una situazione quanto più delirante!!! Ma che ridere, quante risate, faceva male la pancia e stavamo insieme da quanto?! nemmeno un’ora e mezza…fantatsico! Finalmente al quarto bivio, dopo aver letto dei nomi che sembravano ridestare qualche vago ricordo nella mente di Filo, l’unico che conosceva la vera nostra destinazione finale, ci siamo addentrati tra i tanti piccoli centri del lago fino a giungere a Belgirate!!!! SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII 😉
“Famina?!”
in coro: “SIIII!”
“Dai posiamo gli zaini su in casa e poi andiamo a mangiare qcsa!”
in coro le donzelle: “OK!”

Abbiamo pranzato in un ristorantino sirettamente sul lungolago, molto bellino, serviti davvero bene e con prezzi onesti.

Ora della pennica passata a cercare di far volare un aquilone, quello della Vale, che non aveva la minima intenzione di librarsi in aria…ma proprio nemmeno per sbaglio! Due ore a correre sul prato in tondo, diritto, driblando i pali della luce e un paio di alberi che stavano lì in mezzo che erano splendidi ma che in quel momento erano anche latrettanto fastidiosi! La cri immersa nella lettura di un giornale e io che filmavo le imprese olimpiche dei nostri due atleti provetti!
Alle nostre spalle un bambino intorno ai 4 anni che stava facendo volare come una farfalla il suo aquilone arancione, il padre accanto che lo guidava con un altro giallo…”sai che io ne ho due di aquiloni!”
Sigh… 😦 siamo delle schiappe colossali…ih ih ih ih!!!

Ma quaseto non ci ha impedito di proseguire a testa alta il resto del pomeriggio, tra un gelato ancora qualche camminata per il paese che come ogn posto sul lago secondo me ha un suo fascino tutto da scoprire…ma io sono assolutamente di parte perchè mi basta che ci sia uno scorci dal quale si possa guardare il lago che è sempre bello! Nuvoloni neri minacciavano di farci la docci prima di tornare a casa, ma siamo stati fortunati perchè invece ci siamo presi solo una spruzzata di acquerella! cenetta tranquilla ad Arona, e poi via al bowling che avevamo adocchiato al mattino arrivando! La Ietti ha stracciato i suoi tre avversari dopo una partenza in sordina totalizzando ben tre strikes! yeah! non ho perso la mia tecnica del lancio a caduta…nel senso che mia vvicino alla pista con la boccia in mano e poi invece che lanciarla la appoggio sulla pista così lei scivola diritta fino a centrare i birilli e stracciarli tutti! accaldati ci siamo infine diretti verso Milano, un po’ con la trsistezza che la giornata era al suo termine, un po’ con l’ora del sonno che stava passando per cui la serata in città stava solo iniziando..magari ancora due passi in giro si potevano fare!!! 😉

Prossima gita?!

Volete vedere le nostre imprese aquiloniche…passate di qui! ih ih ih 😉

Hugs,kisses&cookies