Shake&bake

E' tempo di mettersi ai fornelli!

Involtini di manzo con salsa al prezzemolo 08/06/2010

Filed under: Sabato in cucina,Secondi; carne — lagaietta @ 10:29

Quando al sabato siete al supermercato insieme a tutti quei pensionati che non si sa bene perchè ma devono fare la spesa in contemporanea a chi in settimana lavora e non ha altro tempo per dedicarvisi e aspettando che i canuti si decidano davanti ai vari scaffali, vi perdete nei vostri pensieri culinari e cercate di immaginare le cene della settimana a venire e di conseguenza comprare quanto possa servire per cucinarle vi si illumina anche la lampadina, e quello è il momento da cogliere per non perderle l’idea! Ecco a me sabato mattina è successo esattamente questo: stavo contemplando della carne trita e facendo mente locale mi sono detta che cruda o la si mangiava a pranzo o nulla, congelarla? si ma per cosa? il sugo? hm…ne ho il freezer pieno…hm, no serviva una nuova idea…tac, eccola: ci faccio il ripieno, semplice e superapido per degli involtini! La nonna li fa sempre, lei le chiama rolatine e ci mette dentro i suoi ingredienti segreti, ma sono sempre buoni…va là che io mi invento i miei!

credits: gaietta@shake&bake

Ingredienti ( per 2 pax)

4 fette di manzo tagliate molto sottili

250 gr carne trita scelta

1 cipollotto fresco

1 uovo intero

sale qb

pepe qb

30 gr parmigiano grattugiato

olio evo qb

una noce di burro

Per la salsa

150 ml panna fresca

una manciata di prezzemolo fresco tritato

-Preparare il ripieno amalgamando alla trita il parmigiano, l’uovo, sale-pepe ( a piacere anche erbe fresche tritate miste, come erba cipollina, timo,salvia) e il cpollotto tritato finemente;

-Stendere sul tagliere una fetta di manzo alla volta e disporvi una parte del ripieno; girare su se stessa la fetta e formare l’involtino; chiuderlo con uno o due stecchini; procedere così per tutti gli involtini;

-Infarinarli leggermente;

-Scaldare in una padella antiaderente il burro e l’olio e poi far sigillare gli involtini prima dalla parte in cui sono leggermente aperti; rosolarvi a fuoco vivace da tutti i lati e poi abbassare il fuoco, aggiungere un goccio di acqua calda e proseguire la cottura per una ventina di minuti aggiungendo poca acqua ancora se necessario; non devono bruciare, solo essere croccanti!

-In ultimo versare la panna fresca e cuocere ancora per 5 minuti; prima di servire aggiungere anche il prezzemolo tritato finemente.

credits:gaietta@shake&bake

Hugs,kisses&cookies

 

Kofta con riso pilaw 21/05/2010

Filed under: A spasso nel mondo,Piatto unico,Secondi; carne — lagaietta @ 12:28

Oggi polpette, ma non le solite polpette! No oggi ho voluto tornare indietro con la memoria a quando da piccola io e la mamma si faceva la spola tra Milano e quella splendida città che continuo a portare nel cuore, ovvero Il Cairo.

Con la scusa che papà per qualche anno ha lavorato lì, noi spesso lo andavamo a trovare e abbiamo potuto goderci quella magnifica città quando ancora di turismo d massa in Egitto non ce n’era, forse anche perchè era il periodo della seconda guerra del golfo! Insomma, noi non ci siamo fatte intimorire da qualche mina, quisquille e pinzillacchere ( mica tanto, ma tant’è che eravamo due  pendolari); e così eravamo sempre in giro per la città e avevamo anche la fortuna di avere una signora che “governava” la casa di papà che cucinava in maniera divina e grazie a lei ho imparato ad amare tutti i piatti profumati e aromatizzati con coriandolo-cumino-curcuma&co.

Queste polpette erano quasi all’ordine del giorno, solo che le sue autentiche erano fritte prima di essere ripassate nella salsa di pomodoro, io ho eliminati la frittura facendole semplicemente scottare sulla padella antiaderente.

Ero bambina e il metabolismo era veloce, ora sono adulta e sono perennemente a dieta come la maggior parte delle mie coetanee, indi per cui ove posso cerco di alleggerire le preparazioni, ma nulla vieta di seguire l’originale e friggere in abbondante olio caldo le polpette, scolarle e poi passarle nella salsa.

Ingredienti:

500g carne trita macinata due volte. (non quella sceltissima, va bene una trita da sugo)

1 cucchiaino di: cumino-curcuma

coriandolo fresco tritato finemente

una manciata di prezzemolo fresco tritato finemente

1 uovo intero

pan grattato qb ( io nn lo uso)

sale e pepe qb

a piacere anche la scorza di mezzo limone

per la salsa:

400g pomodori pelati ( in stagione usare i ramati, togliere i semi e la buccia)

un pizzico di harissa

1 cipolla bionda grande

1 spicchio di aglio

prezzemolo fresco

200g yogurt greco 0%

-Unire alla trita tutti gli ingredienti per le polpette e amalgamare bene il tutto; regolare di sale e pepe e coprir il composto con pellicola; far riposare in frigo per almeno un oretta così che tutti i sapori si fondano per bene;

-Con le mani, formare le polpette e farle scaldare in una padella antiaderente con un cucchiaio di olio; sigillare bene la carne; quando tutte sono ben dorate, toglierle dalla padella e tenerle da parte;

-Preparare la salsa affettando sottilmente la cipolla e facendola dorare nella stessa padella delle polpette con un cucchiaio di olio e lo spicchio di aglio;

-Unire i pelati o i pomodori a cui avrete tolto la buccia e semi interni; far cuocere la salsa per qualche minuto; unire l’harissa a piacere altrimenti giusto un pizzico di peperoncino e regolare di sale;

-Unire anche le polpette e portare a cottura a fuoco dolce per una quindicina di minuti, fino a che le polpette siano tenere;

Una volta cotte, spolverare con il prezzemolo fresco tritato e con dello yogurt greco (questo fa la differenza!!!)

Si possono consumare con del riso pilaw o del cous cous; oppure con del pane arabo leggermente tostato o ancora con del pane sottile tipo pitta.

Hugs,kisses&cookies

 

Carpaccio tiepido con panatura aromatica 27/04/2010

Filed under: Antipasti,Secondi; carne — lagaietta @ 15:27

A me piace tantissimo il carpaccio e in estate insieme alla tartare diventa un piatto fisso soprattutto quando ho bisogno di preparare qualche cosa ma non ho tanto tempo!

L’altra sera invece che servire il carpaccio solo con sale-olio-limone e qualche fogliolina di mentuccia, l’ho arricchito con un pochino di panure aromatizzata dalle mie erbette fresche e l’ho passato due minuti sotto al grill…delizioso!

Ingredienti:

350g carpaccio freschissimo

pane raffermo da grattuggiare

erba cipollina

rosmarino

salvia

timo

sale e pepe qb

1 cucchiaio di olio evo

-Accendere il forno a 200°;

-Sistemare il carpaccio su un piatto che possa andare in forno;

-Grattuggiare il pane raffermo e unirvo le erbe fresche pulite e tritate finemente; aggiungere anche l’olio sale e pepe e mescolare il tutto;

-Distribuire la panure sul carpaccio e passare il tutto sotto al grill per due minuti di orologio…non deve cuocere ma solo intiepidirsi!

-Servire subito!!!!

Hugs,kisses&cookies

la foto è orrenda, avevo solo il telefono sotto mano e tanta famina… 😉

 

Pollo grigliato con riso venere e avocado 20/04/2010

Filed under: Piatto unico,Risotti,Secondi; carne — lagaietta @ 08:44

Della serie: “famo sta dieta” o quantomeno crediamoci…è un primo passo per l’autoconvinzione di aver impostato un regime alimentare meno calorico.

Carne bianca, carne bianca, pesce, carne bianca…qualche legume, carne bianca…pesce.

Si ma ad un certo punto va bene il pettino di pollo alla piastra e il pesce al vapore saporito finchè vuoi ma sempre pettino di pollo è e pesce al vapore idem; ci vuole un qualcosa in più che rallegri la vista e il palato e soprattutto illuda che la pietanza in sè sia diversa! (tenendo conto della costata spettacolare che mi sono sparata sabato a pranzo).

Il mio santissimo macellaio è abituato alle mie richieste, tipo di disossarmi il coniglio o macinarmi solo quello che dico io, indi per cui mi sono fatta dare 4 sovraccosce di pollo che io da sola non sn ancora in grado di disossare alla perfezione per cui con gli occhioni languidi sono riuscita a farmele dare perfettamente pulite e aperte!

L’idea iniziale era quella di aromatizzarle con le mie erbette fresche e poi grigliarle da accompagnare con una bella insalatona mista, ma poi quando mi sono trovata con il bouquet di erbe fresche (cipollina,origano,timo,salvia e rosmarino) ho deciso di marinare le sovraccosce e poi passarle sempre sulla griglia ma come “contorno” usare del riso venere solamente bollito e una dadolata di avocado.

Si ok vi lascio la ricetta:

Ingredienti

4 sovraccosce di pollo

per la marinata

erbe fresche miste: cipollina, origano, timo ( o maggiorana) salvia e rosmarino

uno spicchio di aglio tagliato a fettine sottili

un limone intero

due cucchiai di olio evo

sale e pepe a piacere

150g di riso venere

1 avocado maturo ma non troppo

-Preparare la marinata: spremere in una ciotola il succo del limone, se è piccolo usarne anche un’altra metà; tagliare con le forbici l’erba cipollina e le altre erbette; unire sale,pepe, agli a fettine e l’olio; sbattere bene il tutto qualche minuto fino a ottenere un’emulsione;

-Disporre le sovraccosce una accannto all’altra in una pirofila e irrorarle bene con la marinata; coprire e lasciar riposare in frigo almeno 4h; devono assorbire bene tutti i sapori;

-Cuocere il riso venere secondo le istruzioni e il tempo indicato (solitamente sono minimo 30-35 min.)

-Grigliare il pollo su una piastra calda dopo averlo scolato bene dalla marinata e fino a che sia tenero;

-Tagliare l’avocado a dadolata e condirlo con un cucchiaino di olio evo e poco succo di limone così che nn diventi nero; tenere da parte;

-Impiattare a piacere e a seconda del proprio estro giocando con i colori e le consistenze!

Hugs,kisses&cookies

tips: questa ricetta può essere usata anche come insalatina di riso se il pollo dopo essere stato grigliato viene ridotto in cubetti e unito direttamente al riso e all’avocado!

la marinata che avanza la si può usare per saltare il riso prima di impiattarlo così da insaporirlo ulteriormente!

E’ un piatto unico per cui lo si può arricchire con della verdura fresca.

 

Pollo speziato e basmati 10/03/2010

Filed under: Piatto unico,Secondi; carne,Senza Glutine — lagaietta @ 15:01

Avevo voglia di sentire il profumo del cumino, del curry e dello zafferano! Avevo voglia di vedere un piatto colorato e caldo, ma che fosse al contempo leggero e poco impegnativo così sfogliando una delle mie bibbie di cucina “Kitchen” di Marie Claire ho scelto una ricetta che in origine prevedeva l’utilizzo di filetti di merluzzo, solo che io ormai avevo già tagliato a cubotti del pollo e mi sono azzardata nella sostituzione; mi sono promossa da sola!

Il riso versione pilaw ormai è entrato nella routine familiare perchè è veloce e poi è un ottimo companatico e ben si sostituisce al pane che di rado posso concedermi!

Per due persone:

300g pollo tagliato a cubotti

1 latta di pelati

1 bustina di zafferano

1 cipolla tritata

1 cucchiaino di curry

1 cucchiaino di cumino

sale qb

Per il riso:

180g riso basmati lavato e colato

brodo vegetale qb ( o acqua calda)

1 cipolla piccola

2 chiodi di garofano

sale qb

-Scaldare tre cucchiai di olio nel wok e far imbiondire la cipolla tritata insieme alle spezie;

-Abbassare la fiamma e aggiungere anche i pelati; con una forchetta cercare di ridurli in polpa, portare a leggero bollore  e poi aggiungere lo zafferano e il pollo; mescolare bene e cuocere così fino a che il pollo sia tenero tenero, in caso dovesse servire aggiungere poco brodo alla volta o acqua;

-Preparare il riso, scaldando in una pentola a fondo spesso un cucchiaio di olio e la cipolla steccata con i chiodi di garofano; tostare leggermente il riso e poi aggiungere l’acqua/brodo a sufficienza da coprire il riso di un dito; coprire con un coperchio e porre un peso (pestacarne) sopra il coperchio; abbassare la fiamma al minimo e cuocere per 12 minuti; trascorso questo tempo il riso sarà cotto per assorbimento del liquido, aiutandosi con una forchetta sgranare i chicchi e tenere da parte al caldo.

-Impiattare il pollo o disporlo direttamente sul riso.

Hugs,kisses&cookies

 

Cous Cous speziato con coniglio 17/05/2009

Filed under: Piatto unico,Secondi; carne — lagaietta @ 12:00

Quanto tempo era che non postavo una ricetta salata?!?
A parte quelle che riguardano il pane, erano davvero secoli che non mi cimentavo in una preparazione che per quanto pomposa possa sembrare in realtà è molto semplice e gustosa!
Avevo del coniglio in congelatore che era da consumare, soprattutto perchè avevo bisogno di cedere il suo posto alla pasta madre, così invece che cucinarlo come al solito “alla ligure” con olive e pinoli questa volta l’ho preparato come se fosse uno spezzatino di pollo che potesse bene sposarsi con un cous cous speziato.

Ingredienti (per 3 persone)

150g cous cous precotto
1 cucchiaino di curry
1 cucchiaino di paprika dolce
1 cucchiaino di paprika piccante ( solo una punta se non vi piace troppo)
1 cucchiaio di olio evo
acqua calda qb
sale fino qb

Per il coniglio

mezzo coniglio disossato (fatevelo preparare dal macellaio!!!!)
1 scalogno
2 pomodori perini o da sugo (o pelati)
olio evo qb
sale qb
maggiorana e timo a piacere

-In un tegame fate scaldare l’olio con lo scalogno tritato e fate ben imbiondire, aggiungere il coniglio a tocchetti e fate rosolare il tutto;
-Tagliate i pomodori a pezzettini, togliete gli eventuali semini interni, aggiungeteli al coniglio ben rosolato e regolate di sale e degli odori; aggiungete del liquido in cottura se dovesse asciugarsi troppo (acqua tiepida o brodo vegetale se ne avete a disposizione). portate a cottura in 30-40 minuti.

Preparate il cous cous seguendo le istruzioni della scatola. io di solito mi muovo così:
-In un pentolino scaldare l’acqua: per 150g di cous cous ne bastano 200ml; quando sta bollendo regolate di sale;
-In un tegame antiaderente mescolare in cous cous con le spezie, versarvi a filo l’acqua calda, mescolare con un cucchiaio e coprire; lasciare gonfiare il cous cous per 5 minuti dopodiché unire un cucchiaio di olio a freddo e con una forchetta sgranare bene i chicchi;

Impiattare a piacere deponendo il coniglio sopra il cous cous o se preferite a lato, condendo con il sughino della carne!
Buon Appetito!!!
Hugs,kisses&cookies

 

Agnello arrosto con carciofi e limone 24/03/2008

Filed under: Pasqua,Secondi; carne — lagaietta @ 09:30

Cosa c’è di più adatto al pranzo di Pasqua del cosciotto di agnello?!
Bene, non lo avevo mai cucinato prima perchè in famiglia non è mai stato di tradizione già che nè a mia mamma nè alla nonna è mai piaciuto. Io invece apprezzo quel tipo di carne e ho imparato a mangiarla più in versione mediorentale che non cucinato come d’uso qui!
Ho trovato una ricetta molto semplice girovagando per la rete, ma dato che io avevo anche altre idee, l’ho adatatta alle mie esigenze, togliendo un paio di passaggi e modificandola leggermente con l’aggiunta golosa della pancetta e delle mammole!

Ingredienti ( x 2-3 persone)

1 cosciotto di agnello da 1kg
100 g pancetta affettata molto sottile
4-5 mammole
1 limone non trattato
2 rametti di rosmarino
alloro qualche foglia
1/2 bicchiere di vino bianco
sale&pepe bianco
olio evo
-Preriscaldare il forno a 200°;
-Scaldare 2-3 cucchiai di olio evo in una casseruola che poi possa andare in forno;
-Rivestire completamente il cosciotto con le fette di pancetta; farlo rosolare bene a fuoco vivace da tutti i lati nella casseruola;
-Aggiungere il rosmarino e l’alloro;
-Ricavare con un rigalimoni la buccia del limone e tritarla molto finemente;
-Pulire le mammole e tagliarle poi a metà,togliendo la barbetta interna se necessario;
-Quando il cosciotto è ben rosolato, aggiungere le mammole, la buccia del limone e sfumare con il vino bianco, lasciar evaporare l’alchool;
-Infornare coperto in forno caldo e portare a cottura controllando che non si asciughi mai durante la cottura, aggiungendo casomai poco brodo;
-Proseguire in forno per 1h.
Hugs,kisses&cookies