Shake&bake

E' tempo di mettersi ai fornelli!

Ceviche di salmone e storione 26/06/2010

Dopo aver assaggiato il ceviche che abbiamo preparato a GialloZafferano, ho deciso di rifarlo anche a casa, ma complice una serata di pioggia e anche freschinetto nonostante il mese presunto estivo, l’ho lasciato un giorno e una notte a marinare e devo dire che rende davvero molto di più.

Insomma, il sapore del pesce crudo viene praticamente annientato dalla prolungata marinatura che ne sprigiona invece il profumo intenso e ne valorizza la compattezza delle carni.

Certo è bene scegliere dei pesci che abbiano carni polpose e si prestino a essere mangiati crudi come salmone, tonno, spada, ricciola, storione bianco o san pietro.

Io nella mia personale versione ho scelto il salmone che amo,adoro e mangerei tutti i giorni e poi lo storione bianco per la sua carne delicata e per il fatto di averlo già trovato in carpaccio, cosa che viene di grande aiuto!

Ingredienti

200 gr salmone in carpaccio

200 gr storione bianco in carpaccio

1 pomodoro maturo senza semi

1/2 peperoncino rosso senza semi

1 cipollotto fresco

a piacere uno spicchio di aglio

3 limoni, il succo

1 lime, il succo

-Tagliare le fette di carpaccio in straccetti e disporle cercando di non sovrapporle troppo su un vassoio o una pirofila;

-spremere i limoni e il lime e unire i succhi in una ciotola, regolare di sale e pepe bianco;

-Affettare sottilmente il cipollotto, tagliare a brumoise il pomodoro e il peperoncino e adagiarli sopra il pesce.

-Irrorare il tutto con il succo e unire qualche forglia di prezzemolo; coprire con pellicola e lasciar marinare in frigo un giorno intero.

-Al momento di servire irrorare con olio evo a filo.

Hugs,kisses&cookies

 

Sgombri alla livornese 18/05/2009

Filed under: LeiWeb,Secondi di Pesce — lagaietta @ 13:46

Nuova ricetta che potete trovare qui, spiegata passo passo con le foto che illustrano il procedimento per sfilettare il pesce e ricavare dei filetti perfetti!!!!
se però non avete voglia di cimentarvi in questa impresa, chiedete al pescivendolo la cortesia di sfilettarveli lui!!!!

boooooooooooooooooni
Hugs,kisses&cookies

 

Tortino di alici&paate 04/06/2008

Filed under: Antipasti,Secondi di Pesce — lagaietta @ 16:35

Premetto che non mi piacciono le alici e non sono nemmeno una grande amante delle patate, ma per spirito di cronaca, mi trovo a riportare anche questa ricetta sempre dal famoso corso di cucina sul pesce.

Ogni tortino era stato realizzato semplicemente pulendo delle alici e lavando via le interiora, spolverando gli stampini con del pan grattato e poi alternando le alici con le fettine di patate molto sottili così da creare una vera e propria piccola piramide; il tutto cotto a bagnomaria in forno per 15minuti a 200°
A mio parere, per quanto sia una coppia ormai ben collaudata e consolidata, sarebbe da arricchiare con qualche sapore perchè va bene che le alici sono saporite, ma non so…non sono cmq convinta! Forse un paio di foglioline di salvia fritta?! che ne dite?
Hugs,kisses&cookies

 

Involtini di spada alla siciliana 25/05/2008

Filed under: Secondi di Pesce — lagaietta @ 16:16

Erano due mesi che questo blog aveva perso le speranze che la sua scribacchina tornasse a rinvigorine le pagine.
Mi sono un po’ persa per strada, ci sono stati giorni in cui davvero non ho avuto nemmeno il tempo materiale per respirare; lavoro nuovo da imparare, ritmi ai quali non ero minimamente abituata, arrivavo a casa la sera senza la voglia di mettermi a spignattare perchè davvero troppo stanca, così per un bel po’ di tempo le mie cene sono state a base di insalatone e quanto ci si possa accompagnare di veloce…spiedini alla piastra,bistecca,pollo allo spiedo!
Avevoa nche necessità di riprendere una vita attiva andando in palestra tre volte alla settimana, ma più di tutto una volta tornata a casa alle 19.00 la voglia di rimettermi davanti allo schermo del pc dopo averci trascorso tutta la giornata era zero e anche meno!
Ho deciso però che questo blog che tanta soddisfazione mi ha sempre regalato, che mi ha fatto conoscere anche tante persone speciali non meritasse di cadere così nel dimenticatoio, e anche se in questo periodo ho perso i contatti con tante blogger, mi scuso per la mia assenza, spero che ci sia cmq modo di ritrovarsi.

Questa ricetta fa parte della dispensa del corso di cucina di pesce che avevo seguito questo inverno.
Ingredienti e procedimento sono davvero semplicissimi, potrei quasi raccontarli senza scriverli a forma di ricetta vera e propria in quanto la fantasia è cmq libera di metterci del suo sia nelle dosi che nello svolgimento, partendo dal preuspposto che i cardini sono pochi:

-pesce spada
-pane grattuggiato
-pomodoro
-olive&capperi tritati
-prezzemolo
-olio evo
-vino bianco

Scaldate il forno a 180°;
-battete le fette di spada (circa 120g l’una) per renderle sottili e allargarle di un poco;
-preparate la farci tritando olive,capperi e dell’altro spada, mescolate il tutto condendo con olio, sale, prezzemolo e un po’ di scorzetta di limone;
-farcite le fette di spada, avvolgetele su loro stesse a formare gli involtini;
-disponeteli uno accanto all’altro sulla placca da forno, spolverate abbondantemente con del pane grattuggiato o delle briciole di pane casereccio;
-versate sul fondo della placca un dito di vino bianco e un filo di olio evo;
-infornate per 20-25 minuti;
-sfornate e servite con una passata di pomodoro fresca o dei pomodorini ciliegia appena scottati in padella.

Hugs,kisses&cookies

 

Branzino al cartoccio 12/09/2007

Filed under: Secondi di Pesce,Senza Glutine — lagaietta @ 18:30

Cartoccio veloce e leggero per questi filetti di branzino!
Cucinarli così approfittando magari del forno già acceso o del poco tempo a disposizione è un modo pratico per consumare pesce senza particolari capacità tecniche! Trovo che i filetti già squamati e pronti, ma sempre e rigorosamente freschi, siano fantastici perchè non necessitano di chissà che abilità ma sono perfetti per non rinunciare al piacere di mettere a tavola un buon piatto di pesce anche all’ultimo momento!
Già che non è stata una ricetta studiata ma solo messa in tavola ve la scrivo un po’ così come me la ricordo:

Filetti di branzino ( o orata),
Un paio di pomodori “cuor di bue” che ho pelato e a cui ho tolto i semi, li ho anche lasciati colare del liquido in eccesso,
Qualche cappero dissalato e la scorzetta di mezzo limone;

-Ho adagiato i filetti nel foglio di alluminio nella teglietta da forno e poi li ho coperti con i pomodori a dadini e gli altri ingredienti, un velo di olio ma proprio un velo e poi ho chiuso il cartoccio e ho fatto cuocere in forno moderato per 15 minuti, poi ho spento il forno e ho lasciato in caldo fino al momento di portare in tavola!
Hugs,kisses&cookies

 

Cozze alla marinara 13/05/2007

Filed under: Dieta,Piatto unico,Secondi di Pesce — lagaietta @ 13:05

Dieta non vuol dire solo insalatina scondita, anzi! Proprio in momenti come questi ci si accorge di quanta sia la varietà di prelibatezze che ci si può concedere senza intaccare i buoni propositi e dando anche la giusta soddisfazione alla gola!
Da sempre quando mangio un piatto di cozze così mi vengono in menete le scorpacciate che eravamo soliti farci ogni volta che andavamo in vacaza in Bretagna-Normandia in estate!
Là però le moules erano sempre rigorosamente “a la créme” ( non so una cippa di francese per cui fate finta che sia scritto correttamente), molto più caloriche di quelle che vi propongo io ora e altrettanto buone; con il tempo ho imparato ad apprezzarlo decisamente di più al naturale così da poterne gustare tutta la morbidezza la tenerezza il profumo e la loro delicatezza!
Le mangio sempre molto volentieri, ma forse complice il fatto che durante le nostre strasferte francesi erano insieme alle sogliole le mie cene per le settimane in cui stavamo là ora non ci faccio più una passione come prima, nel senso che mi piacciono ma “una tantum“!!!
Come per tutti i frutti di mare e il pesce fresco ci si deve affidare ad un pescivendolo che sia serio e di fiducia, perchè il rischio di stare male o avere un’intossicazione con queste piccole delizie purtroppo c’è!
Per due ho comperato 1kg di cozze, secondo me la dose giusta per essere soddisfatti ma non appesantiti, anche perchè cmq capita sempre che qcna nn si apra in cottura e magari un paio siano di scarto per cui se volete mangiare solo ed esclusivamente cozze e avete proprio famina andate anche sul kg a testa! ocio poi però!!!

Ricetta che più facile non ce n’è:
1kg di cozze
1 mazzetto di prezzemolo da tritare
1 spicchietto dia glio
1 cucchiaio di olio evo
1 limone

-Pulite bene le cozze sotto acqua fredda corrente eliminando il filetto che le tiene attaccate a grappolo;
-Scaldate l’olio in una pesante casseruola con la’glio senza farlo bruciare, versate le cozze pulite, abbassate il fuoco e coprite per farle schiudere;
-Aggiungete due o tre fettine di limone, continuate a cuocere pèer un paio di minuti, eliminando parte del liquido in eccesso;
-tritate finemente il prezzemolo, aggiungetelo e spegnete il fuoco, lasciate coperte ancora un paio di minuti e poi servite in tavola direttamente con la casseruola, o se preferite suddividete le cozze in tante casseruoline quanti sono i convitati così che ognuno abbia la sua dose!
-Voi che potete fate scarpetta con il pane!
Hugs,kisses&cookies

 

Branzino Pomodori&Porro 04/05/2007

Filed under: Secondi di Pesce — lagaietta @ 09:29

I jeans sono proprio senza pietà, quando loro stringono vuol dire che è arrivato il momento di rimettersi in riga!!! 🙂
Mi consola il fatto che anche se la quaresima sia finita, non sono l’unica che ha deciso di dare un taglio ai peccati di gola e darsi all’ascesi dietetica! Mia cara Gourmet ti faccio compagnia in questo periodo di magra, così da sfoggiare un figurino meraviglioso a breve! 😉
Io adoro il pesce per cui lo trovo l’alternativa migliore in momenti di autocontrollo alimentare, già ne mangio quantità tali che mi sono stupita che non mi siano ancora spuntate le branchie, ma quando devo stare un po’ attenta mi basta cambiare i condimenti, per cui limitare l’uso dell’olio e ovviamente niente salsine troppo eccessive!

Buon appetito!!!

Mi scuso per la pessima fotografia ma l’ho scattata davvero in fretta..era solo per rendere l’idea!

3 filetti di branzino ( o orata, vanno bene entrambi)
2-3 pomodori maturi (ho usato i pizzuttello)
1 porro, la parte bianca
1 cucchiaio di olio evo
sale qb
pepe bianco ( a piacere)

-Affettare sottilmente il porro;
-Incidere la superficie dei pomodori e sbollentarli un minuto così da togliere facilmente la buccia, tagliarli in dadolata molto fine;
-Scaldare l’olio in una padella antiaderente, stufare il porro un paio di minuti, aggiungere la polpa dei pomodori e far cuocere a fuoco dolce qualche minuto, così che i pomodori rilascino la loro acqua;
-Aggiungere i filetti di branzino e cuocerli dalla parte della pelle, coprire e lasciar cuocere 5-6minuti fino a che la carne risulti ben tenera;
-Regolare di sale&pepe e eventualmente a piacere aggiungere qualche fogliolina di basilico fresco a fine cottura prima di impiattare.

Hugs,kisses&cookies